Home | News | Editoriale | Redazione | Links | Copyright
DIRETTORE
Prof. Avv. Paolo Urbani (tel. 068603496 - cell. 3488741323)
Scritti e interventi
NAVIGAZIONE
Home
Editoriale
Ricerca
Links
Aggiornamenti
Copyright
Contatti
AREE TEMATICHE
Urbanistica
Edilizia
Lavori Pubblici
Enti Locali
Scritti di Urbani
Incontri
Varie
Ambiente
Legislazione
Giurisprudenza
Débat Public
FOCUS
IN LIBRERIA


Consiglio di Stato: Adunanza plenaria n° 8/17 _ 17 10 2017 PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
lunedì 11 dicembre 2017

Nella vigenza dell'articolo 21-nonies della l. 241 del 1990 - per come introdotto dalla l. 15 del 2005 - l'annullamento d'ufficio di un titolo edilizio in sanatoria, intervenuto ad una distanza temporale considerevole dal provvedimento annullato, deve essere motivato in relazione alla sussistenza di un interesse pubblico concreto e attuale all'adozione dell'atto di ritiro anche tenuto conto degli interessi dei privati destinatari del provvedimento sfavorevole.

In tali ipotesi, tuttavia, deve ritenersi:

i) che il mero decorso del tempo, di per sé solo, non consumi il potere di adozione dell'annullamento d'ufficio e che, in ogni caso, il termine 'ragionevole' per la sua adozione decorra soltanto dal momento della scoperta, da parte dell'amministrazione, dei fatti e delle circostanze posti a fondamento dell'atto di ritiro;

ii) che l'onere motivazionale gravante sull'amministrazione risulterà attenuato in ragione della rilevanza e autoevidenza degli interessi pubblici tutelati (al punto che, nelle ipotesi di maggior rilievo, esso potrà essere soddisfatto attraverso il richiamo alle pertinenti circostanze in fatto e il rinvio alle disposizioni di tutela che risultano in concreto violate, che normalmente possano integrare, ove necessario, le ragioni di interesse pubblico che depongano nel senso dell'esercizio del ius poenitendi);

iii) che la non veritiera prospettazione da parte del privato delle circostanze in fatto e in diritto poste a fondamento dell'atto illegittimo a lui favorevole non consente di configurare in capo a lui una posizione di affidamento legittimo, con la conseguenza per cui l'onere motivazionale gravante sull'amministrazione potrà dirsi soddisfatto attraverso il documentato richiamo alla non veritiera prospettazione di parte"

Adunanza Plenaria n 8-2017-2.pdf 

 

 

< Prec.   Pros. >
CONTATTI
SCRIVI ALLA REDAZIONE
IN EVIDENZA
APPUNTAMENTI
QUOTIDIANI

Repubblica.it > Cronaca
Bardonecchia, estremisti di destra francesi al confine con l'Italia: "Cosଠrespingiamo i migranti"
Milano, si scontra con un'auto, morto motociclista
Parco nazionale d'Abruzzo, l'orso marsicano era malato: non è stata l'anestesia a ucciderlo
Il giallo di Sana, pachistana di Brescia. Gli amici: "Uccisa dal padre perché rifiutava nozze imposte"
Il trasloco non è mai stato cosଠbello: "Faccio tutto io, dagli scatoloni al nuovo arredamento"

Repubblica.it > Politica
Di Maio: "Con Salvini si possono fare grandi cose". E Berlusconi: "Il leghista è il nostro leader"

Repubblica.it > Esteri
Morta in Giappone Nabi Tajima: si ferma a 117 anni la persona pi๠anziana del mondo
Londra, salve di cannone e stelle del pop per i 92 anni della regina Elisabetta II
Scienziato palestinese freddato da due killer in Malesia. La famiglia accusa: "E' stato il Mossad"
Siria, ispettori dell'Opac hanno raccolto campioni a Douma
Londra, ancora un accoltellamento: morto un ventenne

Repubblica.it > Economia
Borse europee contrastate, Trump mette il freno al petrolio
Fisco, in pochi giorni oltre un milione di accessi al 730 precompilato
Ecco quanti posti di lavoro rubano i robot
Fmi, spagnoli pi๠ricchi degli italiani: sorpasso nel 2017
La Rai in utile per 14 milioni. Via 600 dipendenti con gli esodi incentivati