Home | News | Editoriale | Redazione | Links | Copyright
DIRETTORE
Prof. Avv. Paolo Urbani (tel. 068603496 - cell. 3488741323)
Scritti e interventi
NAVIGAZIONE
Home
Editoriale
Ricerca
Links
Aggiornamenti
Copyright
Contatti
AREE TEMATICHE
Urbanistica
Edilizia
Lavori Pubblici
Enti Locali
Scritti di Urbani
Incontri
Varie
Ambiente
Legislazione
Giurisprudenza
Débat Public
FOCUS
IN LIBRERIA


Novità in Libreria PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
mercoledì 25 giugno 2008

moronibrunetta2_320x200.jpg

Nelle nostre città, le regole edilizie e urbanistiche, così come le infrastrutture e i servizi, sono stati tradizionalmente garantiti dall’amministrazione pubblica. In tempi recenti stanno invece sempre più affermandosi, soprattutto negli Stati Uniti, forme private volontarie di regolazione degli usi dello spazio e di fornitura di servizi comuni che possono essere definite comunità contrattuali. Il volume propone un’analisi e una discussione di questi modelli di organizzazione autonoma a base territoriale, nell’ipotesi che sia indispensabile un approccio critico e consapevole ad essi che superi le tante interpretazioni riduttive e semplicistiche correnti. L’obiettivo è di comprendere come meglio accogliere realtà di questo tipo in un particolare sistema misto di organizzazione del territorio che, pur mantenendo un importante ruolo pubblico nella garanzia di alcune regole fondamentali di convivenza e nella fornitura di determinati servizi di base, riconosca maggiore spazio a strutture private volontarie, rendendo così realmente operativo l’ideale della sussidiarietà. L’ipotesi è che questa sia una delle sfide principali che investiranno a breve anche la società e le città europee.
Grazia Brunetta insegna Urbanistica presso il Politecnico di Torino. Svolge attività di ricerca sui temi dell’analisi delle politiche territoriali, della progettazione e valutazione ambientale e delle metodologie di valutazione strategica. Tra le sue pubblicazioni: Giochi negoziali nelle politiche urbane (Alinea, Firenze, 1997); Valutazione ambientale strategica. Aspetti metodologici, procedurali e criticità (Il Sole24ore, Milano, 2003); Trasformazioni, coesioni, sviluppo territoriale (Franco Angeli, Milano, 2006).
Stefano Moroni insegna Questioni etiche e normative nel governo del territorio presso il Politecnico di Milano e Tecnica e pianificazione urbanistica presso l’Università di Pavia. Svolge attività di ricerca su temi di etica e diritto inerenti le politiche territoriali. Tra le sue pubblicazioni: Etica e territorio (Franco Angeli, Milano, 1997); Urbanistica  e regolazione (Franco Angeli, Milano, 1999); L’ordine sociale spontaneo (Utet, Torino, 2005); La città del liberalismo attivo (CittàStudi, Torino, 2007).

< Prec.   Pros. >
CONTATTI
SCRIVI ALLA REDAZIONE
IN EVIDENZA
APPUNTAMENTI
QUOTIDIANI

Repubblica.it > Cronaca
Bardonecchia, estremisti di destra francesi al confine con l'Italia: "Cosଠrespingiamo i migranti"
Milano, si scontra con un'auto, morto motociclista
Parco nazionale d'Abruzzo, l'orso marsicano era malato: non è stata l'anestesia a ucciderlo
Il giallo di Sana, pachistana di Brescia. Gli amici: "Uccisa dal padre perché rifiutava nozze imposte"
Il trasloco non è mai stato cosଠbello: "Faccio tutto io, dagli scatoloni al nuovo arredamento"

Repubblica.it > Politica
Di Maio: "Con Salvini si possono fare grandi cose". E Berlusconi: "Il leghista è il nostro leader"

Repubblica.it > Esteri
Morta in Giappone Nabi Tajima: si ferma a 117 anni la persona pi๠anziana del mondo
Londra, salve di cannone e stelle del pop per i 92 anni della regina Elisabetta II
Scienziato palestinese freddato da due killer in Malesia. La famiglia accusa: "E' stato il Mossad"
Siria, ispettori dell'Opac hanno raccolto campioni a Douma
Londra, ancora un accoltellamento: morto un ventenne

Repubblica.it > Economia
Borse europee contrastate, Trump mette il freno al petrolio
Fisco, in pochi giorni oltre un milione di accessi al 730 precompilato
Ecco quanti posti di lavoro rubano i robot
Fmi, spagnoli pi๠ricchi degli italiani: sorpasso nel 2017
La Rai in utile per 14 milioni. Via 600 dipendenti con gli esodi incentivati