Home | News | Editoriale | Redazione | Links | Copyright
DIRETTORE
Prof. Avv. Paolo Urbani (tel. 068603496 - cell. 3488741323)
Scritti e interventi
NAVIGAZIONE
Home
Editoriale
Ricerca
Links
Aggiornamenti
Copyright
Contatti
AREE TEMATICHE
Urbanistica
Edilizia
Lavori Pubblici
Project Financing
Enti Locali
Scritti di Urbani
Incontri
Varie
Ambiente
Legislazione
Giurisprudenza
FOCUS
Codice dell'Ambiente
IN LIBRERIA


Novitą in Libreria PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
mercoledģ 25 giugno 2008

moronibrunetta2_320x200.jpg

Nelle nostre città, le regole edilizie e urbanistiche, così come le infrastrutture e i servizi, sono stati tradizionalmente garantiti dall’amministrazione pubblica. In tempi recenti stanno invece sempre più affermandosi, soprattutto negli Stati Uniti, forme private volontarie di regolazione degli usi dello spazio e di fornitura di servizi comuni che possono essere definite comunità contrattuali. Il volume propone un’analisi e una discussione di questi modelli di organizzazione autonoma a base territoriale, nell’ipotesi che sia indispensabile un approccio critico e consapevole ad essi che superi le tante interpretazioni riduttive e semplicistiche correnti. L’obiettivo è di comprendere come meglio accogliere realtà di questo tipo in un particolare sistema misto di organizzazione del territorio che, pur mantenendo un importante ruolo pubblico nella garanzia di alcune regole fondamentali di convivenza e nella fornitura di determinati servizi di base, riconosca maggiore spazio a strutture private volontarie, rendendo così realmente operativo l’ideale della sussidiarietà. L’ipotesi è che questa sia una delle sfide principali che investiranno a breve anche la società e le città europee.
Grazia Brunetta insegna Urbanistica presso il Politecnico di Torino. Svolge attività di ricerca sui temi dell’analisi delle politiche territoriali, della progettazione e valutazione ambientale e delle metodologie di valutazione strategica. Tra le sue pubblicazioni: Giochi negoziali nelle politiche urbane (Alinea, Firenze, 1997); Valutazione ambientale strategica. Aspetti metodologici, procedurali e criticità (Il Sole24ore, Milano, 2003); Trasformazioni, coesioni, sviluppo territoriale (Franco Angeli, Milano, 2006).
Stefano Moroni insegna Questioni etiche e normative nel governo del territorio presso il Politecnico di Milano e Tecnica e pianificazione urbanistica presso l’Università di Pavia. Svolge attività di ricerca su temi di etica e diritto inerenti le politiche territoriali. Tra le sue pubblicazioni: Etica e territorio (Franco Angeli, Milano, 1997); Urbanistica  e regolazione (Franco Angeli, Milano, 1999); L’ordine sociale spontaneo (Utet, Torino, 2005); La città del liberalismo attivo (CittàStudi, Torino, 2007).

< Prec.   Pros. >
CONTATTI
SCRIVI ALLA REDAZIONE
IN EVIDENZA
APPUNTAMENTI
QUOTIDIANI

Repubblica.it > Cronaca
Bari, il comico Uccio de Santis indagato per evasione fiscale: evasi cachet per 1,3 milioni
Bologna, la battaglia di Jessica: "Sono rimasta incinta e ho scoperto di avere un tumore"
Roma, il racconto: "In ospedale non ho perso solo mio figlio ma anche la dignitą "
Banche, la Popolare Bari e il caso Tercas: ai De Gennaro i fidi facili dell'istituto abruzzese
E' allarme smog, da mercoledą¬ Torino blocca a oltranza i diesel fino all'euro 4

Repubblica.it > Politica
Forza Italia, Berlusconi l'incandidabile nel logo: "Una mossa da due milioni di voti"
Sinistra, Veltroni: "Ritrovare l'umiltą  dell'unitą  per vincere"
Atlante politico: M5s primo partito. Ma il centrodestra unito č maggioranza relativa
Regionali Sicilia, Di Maio: "Vogliamo gli osservatori Osce per le elezioni"
Renzi alla festa per 10 anni Pd: "Nei collegi sarą  corpo a corpo con il centrodestra"

Repubblica.it > Esteri
Usa, primo raid contro Isis in Yemen: decine morti
Venezuela, opposizioni denunciano brogli nel voto regionale. E Caracas sfida Usa e Ue: "Ci attaccano"
Incendi, Portogallo e Spagna in ginocchio: almeno 39 morti, c'č pure un neonato
Malta, autobomba uccide Daphne Caruana Galizia, la reporter che indagą² sui MaltaFiles
Bagdad contro Erbil per il petrolio, ma forse una nuova guerra si puą² evitare

Repubblica.it > Economia
Legge anti-telemarketing a rischio, i call center chiedono modifiche